martedì 8 luglio 2014

Due pesi, un'unica misura. O il contrario.

Ovvero: avere due bambini di età e bisogni diversi, e rapportarsi nello stesso modo con entrambi. A discapito, questa volta, del secondogenito.
Non so se succede solo a noi, che, oggettivamente, abbiamo un piccolo Enea molto sveglio, intraprendente, curioso, indipendente, ma ci siamo accorti che spesso e volentieri pretendiamo da lui cose oltre le sue capacità. Ce ne siamo accorti all'improvviso, dopo qualche episodio di pianto disperato sfociato in apnea. Ci siamo fermati e abbiamo fatto un passo indietro. Enea non è Samuele. Non ha 4 anni, non ha esperienza, anche se vorrebbe farci credere il contrario, non ha la capacità di esprimersi al 100%, non ha limiti fisici e psicologici che lo tengano lontano dai pericoli.
Non possiamo urlare con lui e pretendere che capisca (sì, noi con Samuele urliamo e anche tanto, visto che se le cose si dicono normalmente non vengono recepite. E non fate quella faccia critica, di quelli che credono che l'urlo sia paragonabile alle botte. Mica gli diciamo "Brutto stupido testadicazzo" eh!). E non possiamo neppure esigere che quando gli si spiegano le cose lui le recepisca.
Abbiamo fatto una miniriunione tra adulti, e abbiamo cambiato tattica. Quando fa qualcosa di effettivamente pericoloso comunque urliamo un bel NO. Che insomma dobbiamo sfogarci. Poi però con calma gli spieghiamo in termini semplici il perchè. Lo facevamo anche con Samuele, quando era piccolo, e dobbiamo riabituarci.
Dopo pochi giorni la situazione sembra migliorata: non ha più fatto crisi di rabbia, se non altro. In mezzo al fuoco ci si tuffa come un acrobata (si lancia dal puff al divano -distanza: mezzo metro-, corre sulla strada, infila in bocca le cose più pericolose che trova), ma sembra avere più cognizione del divieto. Lo fa comunque eh. Però pare che la prenda meno come sfida, e più come affermazione di sè. Che forse è la stessa cosa.
Certo che il secondogenito, con il carattere di Enea e l'esempio di Samuele davanti, è una sfida completamente diversa dal primogenito. E' come dover imparare di nuovo ad essere genitori.
Auguri eh, e passa la birra.

-Mi piacerebbe cambiare l'header del blog, ma non riesco a fare una foto dove entrambi siano fermi. Comesonomessa.-

Nessun commento:

Posta un commento

dai dai, commenta, che aspetti!! :)